Decalogo di sopravvivenza alla paura e al panico

Aggiornamento: 15 ott 2020


Sono giorni difficili e, in questi giorni, nessuno di noi riesce ad essere davvero immune alla paura. Qualcuno di noi sta rasentando il panico.

Al momento, è quasi impossibile non provare ansia e paura, perché non solo le notizie allarmanti di questi giorni stanno colpendo tutti, ma anche e soprattutto perché la paura è un’emozione altamente contagiosa e basta stare accanto o ascoltare qualcuno spaventato o notizie allarmanti dalla tv per finirne facilmente (e naturalmente) contagiati.

L’ansia, la paura e il panico sono esperienze emotive assolutamente normali che si attivano in circostanze di pericolo (reali o percepite). Il pericolo può essere reale o il frutto di pensieri catastrofici come la paura di ammalarsi, di morire, di perdere il controllo, ma il nostro cervello non fa differenza tra pericolo reale (“sono in una piccola barchetta con il mare molto mosso”) o pericolo provocato da pensieri di scenari catastrofici. Reagirà allo stesso modo.

Quindi se è vero che sentirsi vittime di ansia e paura in questi giorni è normale, è altrettanto vero che è necessario saper gestire queste emozioni e scegliere coscientemente che cosa fare quando ne siamo preda o il livello di intensità comincia ad alterare notevolmente il nostro equilibrio e quello di chi ci sta vicino (nel caso della paura siamo sì altamente contagiosi!!!).

Quindi c’è una buona notizia: la paura e il terrore sono emozioni e le emozioni possono essere gestite e superate. Basta sapere come.

Preferisco non entrare nel dettaglio di come funziona il circuito della paura (so che più l’articolo è lungo e meno viene letto!!!) e per il momento andrò dritta al punto elencando metodi e strategie precise per prevenire la paura o gestirla quando il suo livello di intensità sta diventando eccessivo.


1. Respirate. Il primo vero e più potente antidoto alla paura e al panico è il respiro. La paura e il panico si nutrono della vostra apnea e quindi la prima cosa che dovete fare è respirare. Se ci fate caso molti di voi sono in apnea in questo preciso momento. È scientificamente provato che la paura e l’ansia diminuiscono se respirate. Fermatevi spesso durante il giorno e respirate profondamente e lentamente, ma senza sforzarvi. Potete contare i respiri se volete (contare i respiri terrà il vostro cervello impegnato e non se ne andrà in giro nella vostra mente a produrre scenari catastrofici), oppure prendere fiato ed espirando ripetere ad alta voce (meglio che mentalmente): “E' un momento difficile ma passerà”.